ChatNoirSecondo

Il secondo Cabaret du Chat Noir: l’apice e il tramonto di una leggenda

il
temi: , , periodi: luoghi:

Il secondo Cabaret du Chat Noir si trovava al 12 di rue de Laval (oggi rue Victor-Massé, IX arrondissement) a due passi da Place Pigalle. All’inaugurazione (anno 1885) presenziò la vivacissima comunità intellettuale e artistica della Parigi della Belle Époque, già habituée del primo cabaret, in boulevard de Rochechouart.

Secondo Chat Noir
M. Balda, Le Cabaret du Chat Noir, interno ed esterno del secondo Chat Noir (1890, Musée de Montmartre, colletion Le Vieux Montmartre)

Atto terzo

Un arredo firmatissimo

Il locale era decisamente più grande del primo e si sviluppava su due piani. Gli avventori erano alcune delle menti più brillanti del tempo e ciascuna contribuì, più o meno spontaneamente e secondo il proprio talento, ad accrescere la qualità delle esperienze che il cabaret poteva offrire, a cominciare dall’esterno”.

La facciata era un’autentica opera d’arte la cui decorazione, sovrabbondante come richiesto dal gusto eclettico del tempo, portava la firma di tre artisti illustri, vediamoli.

Robida
Il secondo Cabaret du Chat Noir rappresentato dal caricaturista Albert Robida. Il cameriere in costume da guardia svizzera all’ingresso c’era davvero: secondo l’opinione di Rodolphe Salis, fondatore, proprietario e direttore del cabaret, la guardia avrebbe conferito un tocco di eleganza in più.

All’apice dell’ingresso, ben visibile ai passanti, un gatto in terracotta incorniciato da un’aureola e raggi dorati troneggiava in quanto simbolo del cabaret. L’opera era firmata da Alexandre Charpentier (1856-1909), scultore ed ebanista meglio conosciuto per le meravigliose boiseries art nouveau che realizzava per l’interno delle palazzine parigine più chic. Al Musée d’Orsay ne è conservato un esempio maestoso.

Charpentier Art Nouveau
La boiserie disegnata da Alexandre Charpentier nel 1901 per la sala da pranzo di un ricco industriale (Musée d’Orsay).

Charpentier Art Nouveau

Le due grosse lanterne che illuminavano l’ingresso vennero invece disegnate da Eugène Grasset (1845-1917) pittore, incisore, pubblicitario e grafico all’epoca molto conosciuto.

GrassetScultura
Éugène Grasset, Le Chat Noir, scultura in terracotta (1885, Musée Montmartre).
Grasset
Eugène Grasset, pubblicità per l’inchiostro L. Marquet (1892, Musée des Arts Décoratifs).

L’insegna con gatto e luna risaliva al primo cabaret ed era firmata da Adolphe Willette (1857-1926) pittore, illustratore, caricaturista e litografo, come anche la grande tela del Parce Domine che decorava l’interno del locale, oggi conservata al Musée de Montmartre.

Parce Domine Willette
«Parce Domine, Parce Populo Tuo» (‘Perdona, Signore, perdona il popolo tuo’) di Adolphe Willette (1884). L’immensa tela che decorava l’interno del Cabaret du Chat Noir rappresenta la gioventù innocente (incarnata dal personaggio di Pierrot in basso a sinistra) spinta all’autodistruzione dai vizi di Parigi (photo from Wikipedia).
Insegna Chat Noir
L’insegna del cabaret du Chat Noir disegnata da Willette, conservata al Musée Carnavalet (IV arrondssement).

Il Teatro delle Ombre de Le Chat Noir

Questi sono solo tre delle innumerevoli personalità che partecipavano alla vita del cabaret le quali, raccolte in un ambiente stimolante ispirato dal vino, potevano davvero concepire e realizzare meraviglie. La più famosa fu, senza dubbio, l’avventura del Teatro delle Ombre.

Un bel giorno, il pittore Henri Rivière (1864-1951), le cui vedute parigine fanno sognare ancora oggi, propose a Rodolphe Salis (1851-1897), fondatore, proprietario e direttore dello Chat Noir, di dotare il cabaret di un teatro di marionette.

Riviere
Una delle famose “Trentasei vedute della Tour Eiffel” che Henri Rivière realizzò, tra il 1888 e il 1902. Il pittore intendeva rendere omaggio non solo alla nuova celebre torre, ma anche all’artista giapponese Hokusai (1760-1849) di cui possedeva le “Trentasei vedute del Monte Fuji” (photo from BnF). Il richiamo allo stile delle stampe giapponesi è evidente, ma l’applicazione a paesaggi occidentali rende l’effetto unico.

Grazie alla collaborazione di un altro habitué del locale, l’artista Henry Somm (1844-1907), il progetto venne convertito in un teatro d’ombre, una tipologia di spettacolo che si ispira a quello tradizionale delle ombre cinesi, ma che lo sviluppa e lo arricchisce di nuovi elementi.

Somm
L’Elegante e il cigno di Henry Somm (circa 1900, photo from Wikipedia).

Gli spettacoli si tenevano al secondo piano del cabaret nella cosiddetta Salle des fêtes (‘Sala delle feste’), mentre il piano terra era denominato Sala delle Guardie – decisamente, la fantasia di Rodolphe Salis non tralasciava nessun dettaglio, dalla divisa dei camerieri fino ai nomi delle sale. Il successo fu immediato.

ChatNoirSecondo
La “Sala delle Feste” del secondo Cabaret du Chat Noir (immagine tratta dal sito www.lafertealais.com)

Alla realizzazione delle pièces contribuirono diversi frequentatori del cabaret. Gli scrittori si occupavano dei copioni, i canzonieri scrivevano canzoni ad hoc, gli artisti disegnavano i fondali e le silhouette delle ombre, i compositori fornivano gli accompagnamenti musicali – spesso al pianoforte – e così via.

Ombre Chat Noir
Alcune ombre utilizzate per il Teatro delle Ombre dello Chat Noir (Musée de Montmartre) il cui schermo, come si evince, non superava il metro quadro.

Dapprima le ombre erano realizzate in cartone, in seguito vennero sostituite da silhouette di zinco, materiale che consentiva dei contorni più netti ed espressivi.

Ombre Chat Noir
Musée de Montmartre.

La messa in scena non era affatto semplice, visto l’ampio numero di effetti speciali da attivare in tempo esatto, i fili, lo spazio esiguo dietro lo schermo, ecc.

Effetto speciale ombre
Un esempio di effetto speciale per il Teatro delle Ombre dello Chat Noir: ecco come si faceva a far fumare un’ombra(Musée de Montmartre).
Chat noir teatro culisses
Dietro le quinte del teatro delle ombre (Musée de Montmartre).

Nonostante ciò – o forse proprio a causa di queste caratteristiche peculiari –, il Teatro delle Ombre ottenne spesso il tutto-esaurito, tanto da convincere Rodolphe Salis ad organizzare delle tournées. In effetti, gli spettacoli del cabaret trovarono una calorosa accoglienza anche fuori dalla Ville Lumière, fino ad oltrepassare i confini europei (rimase famosa la tappa di Chicago).

Steinlen Locandina Tournée Chat Noir
Manifesto realizzato da Théophile Steinlen (1859-1923) per la tournée del Teatro delle Ombre dello Chat Noir (1890).

Purtroppo, si sa, tutte le mode – e con esse il successo che concedono – sono effimere. Lo Chat Noir aveva trasformato la vita di Montmartre e ispirato l’apertura di molti altri cabaret i quali, a loro volta, gli rubarono la scena. Rodolphe Salis prese la cosa con il consueto autocontrollo e, dopo aver fatto a pezzi a colpi d’ascia gli interni del cabaret, giurò di farne sorgere un terzo sui Grands Boulevards. In realtà, le tournées lo avevano esaurito sia fisicamente che psicologicamente e così, per la prima volta, gli mancò la forza di realizzare il suo proposito.

Salis
Rudolphe Salis, autoritratto (1875, Musée de Montmartre).

Salis morì nell’anno 1897 e il suo Chat Noir non poté fare altro che seguirlo fedelmente e in silenzio, lasciando qua e là i frammenti di una leggenda furtiva quanto i passi felpati di un gatto fatti di inchiostro, di zinco, di musica e terracotta.

«Siamo partiti in molti, la falange che eravamo in quello Chat Noir dove abbiamo trovato tante gioie e che ci ha lasciato anche tanti ricordi amari. Quanti rimaniamo oggi, quanti sono scomparsi, Caran-d’Ache, Alexandre Charpentier, non contiamoli, sono troppi…»
Théophile Steinlen
in una lettera ad Adolphe Willette
20 febbraio 1906