L'uomo rosso delle Tuileries

Il fantasma dei giardini delle Tuileries

il
temi: periodi: personaggi: luoghi:

Ieri il Cappellaio Matto mi ha svelato il segreto di un’antica leggenda legata ad un reggia di Parigi oggi scomparsa.
Eravamo tutti riuniti per il consueto tè. La conversazione girava attorno alla “reggia-fantasma” – così la chiamavamo – che un tempo chiudeva l’enorme pianta del Louvre a ovest e di cui pochi conservano memoria (per saperne di più scopri I Palazzi Fantasma del Louvre).

Louvre 1857
Una rappresentazione del Louvre prima della Comune del 1871: la Cour Napoléon è quella dove oggi sorge la piramide e in primo piano è possibile notare la reggia-fantasma che oggi non c’è più.

La reggia di cui oggi non resta traccia, se non un bel parco che porta il suo nome – Jardin de Tuileries – era stata la sede del governo dai tempi della Rivoluzionefrancese. Nel 1871, i rivoluzionari della Comune appiccarono il fuoco al palazzo in quanto simbolo del potere che avevano rovesciato (per saperne di più leggi dello splendido servizio da tavola imperiale salvato per miracolo dalle ceneri ).
Questa reggia-fantasma, conosciuta come palazzo delle Tuileries …«Un palazzo non può essere un fantasma», interruppe il Cappellaio Matto catalizzando l’attenzione di tutti presenti.
«Si tratta solo di un modo di dire», spiegai, «fantasma, in questo contesto, indica qualcosa che non esiste più».
Il Cappellaio prese allora fiato e dichiarò solennemente: «Essendo un fantasma prima di tutto un’apparizione, un palazzo che non esiste, non apparendo, non può essere un fantasma». Nessuno ebbe il coraggio di obiettare.
Per amor di completezza, nonché di protagonismo, narrò poi la leggenda di un fantasmapropriamente-detto legato alla reggia scomparsa che fantasma-non-poteva-essere. Io non so dove le scovi certe storie!

Cappellaio Matto tazza
La postura da dichiarazione solenne del Cappellaio, per chi non la conoscesse.

Il palazzo delle Tuileries era stato costruito per volere dalla regina Caterina de Medici nella seconda metà del 1500.

Catherine_de_Medicis
Caterina de Medici, regina di Francia (1519-1589).

Per far spazio alla nuova reggia si dovettero abbattere delle fabbriche di tegole (le famose tuiles che daranno il nome al palazzo), un macello, più le abitazioni di pertinenza.

Gli abitanti non furono molto felici di quello sfratto forzato e si narra che uno di loro, un macellaio, abbia disobbedito all’ordine di sgombero talmente a lungo da dover essere eliminato fisicamente dai sicari della regina. Alla faccia degli amari estremi e degli estremi rimedi!

Nacque così la leggenda dell’Uomo Rosso delle Tuileries, lo spettro “vestito di rosso” del testardo macellaio che, assetato di vendetta, sarebbe stato avvistato nei pressi del palazzo in diverse occasioni.

Le sue apparizioni erano temutissime perché significavano guai grossi in arrivo per i sovrani e la loro reggia: venne visto prima dell’assalto al palazzo durante la Rivoluzione francese (10 agosto 1792), prima della disfatta di Waterloo (18 giugno 1815) e ovviamente prima dell’incendio che del palazzo non lascerà traccia (1871)… Un macabro monito o la semplice voglia di farsi due risate alla faccia di re e imperatori?

L'uomo rosso delle Tuileries
L’uomo rosso delle Tuileries che compare prima di una disgrazia, o almeno come me lo sono immaginata (©1999 20TH CENTURY FOX FILM CORP)
Il palazzo fantasma delle Tuileries
La sagoma scomparsa del palazzo scomparso delle Tuileries vista dai giardini che portano ancora il suo nome.

La leggenda è antica e non sono mai esistite prove che Caterina de Medici abbia ordinato un omicidio per far spazio al suo palazzo, ma gli orrori del tempo in cui visse furono tali che, per secoli, la pessima reputazione della regina italiana venne alimentata con ogni possibile accusa, a parte forse l’omicidio biblico di Abele…

(Per sapere di più sulla pessima vita di questa regina italiana in terra straniera leggi la serie “La leggenda nera di Caterina de’Medici“)

La vera domanda è: ora che il palazzo non c’è più, il fantasma rosso delle Tuileries ha trovato finalmente pace o è ancora possibile imbattersi nella sua macabra presenza?

Uomo rosso Tuileries

L'uomo rosso delle Tuileries
L’Uomo rosso delle Tuileries, così come è stato immaginato in un bel libro illustrato di Julia Raison e Karim Friha.