Quai Voltaire corte interna

Quai Voltaire: 308 metri lungo la Senna traboccanti di celebrità!

il
luoghi:

A Parigi, le storie spuntano come funghi ad ogni angolo, anche dietro un portone lasciato aperto per caso. Questa volta è toccato al quai Voltaire che, come ho scoperto, è molto più di una breve frazione di riva della Senna.

Il nome venne scelto in piena Rivoluzione francese per onorare la memoria di uno dei padri dell’Illuminismo, François-Marie Arouet, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Voltaire (1694-1778). Proprio qui, all’hôtel marquis de Villette, morì nell’anno 1778 alla rispettabile età di ottantatré anni rifiutando i sacramenti, o almeno questo narrano le versioni ufficiali. Gli aneddoti sulla sua morte, in effetti, furono moltissimi e continuarono a spuntare fino agli anni Settanta del XX secolo! Riporto il mio preferito: a un prete che gli si era accostato nei suoi ultimi momenti per chiedergli di rinunciare a Satana, Voltaire avrebbe risposto

Non mi pare il momento di farsi nuovi nemici

Voltaire
Ritratto di Voltaire verso il 1725 circa, dalla mano di Nicolas de Largillière.

La frase non è sua, per quanto simpatica. L’unica cosa certa è che, in un momento in cui aveva seriamente creduto di morire tra quelle mura, Voltaire aveva scritto come ultime parole

Muoio adorando Dio, amando i miei amici, non odiando i miei nemici e detestando la superstizione.

… ma poi guarì e la morte lo avrebbe raggiunto solo diversi mesi più tardi.

Ma la sfilata di personalità è appena iniziata.

Nel 1887 venne aperta una mesticheria ai numeri 3 e 5. Si chiamava Les couleurs du quai (I colori del quai) e la clientela era a dir poco ragguardevole. Al suo bancone monsieur Sennelier, il proprietario, servì Paul Cezanne, Edgar Degas, Camille Pissarro, Paul Gaugin, Amedeo Modigliani, Vassily Kandinsky, Pablo Picasso

Al numero 15, per quasi dieci anni, Éugène Delacroix ebbe il suo atelier e al 19 una palazzina del XIX secolo accolse Charles Baudelaire e Richard Wagner entrambi intenti a terminare tra questa mura i loro capolavori, rispettivamente I Fiori del MaleI Maestri Cantori di Norimberga. Come se non bastasse Oscar Wilde vi alloggiò durante uno dei suoi soggiorni parigini.

Charles Baudelaire
Charles Baudelaire (1821-1867)
Richard Wagner
Richard Wagner (1813-1883)
Oscar Wilde
Oscar Wilde (1854-1900)

Al numero 11 il pittore Jacques-Auguste Dominique Ingres morì nel 1867. Per un colpo di fortuna, ho trovato aperto il portone e scoperto questo verde gioiello nascosto ai passanti.

Dettaglio de La grande odalisca, Ingres (1814)
Dettaglio de La grande odalisca, Jacques-Auguste Dominique Ingres (1814)

Quai Voltaire corte interna

Anche il leggendario ballerino russo Rudolf Nureyev trascorse i suoi ultimi anni al quai Voltaire e questi sono alcuni dei nomi che fanno brillare questi trecento metri di lungo Senna.

Nureyev
Rudolf Khametovich Nureyev (1938-1993)

Vi auguro di scoprirne altri e buona esplorazione!